ARTICLE MARKETING ITALIANO

ARTICLE MARKETING ITALIA

Psicologia di coppia: quando andare in terapia

Le difficoltà di coppia  sono comuni a tutti, chi più chi meno, nel corso della relazione le incontra. Generalmente si superano senza troppi problemi ma ci sono casi in cui è necessario affidarsi alla terapia di coppia.

Ma cos’è la terapia di coppia e quando ci si deve rivolgere?

La terapia di coppia è volta a far si che i due partner si relazionino in modo armonico indipendentemente da quelle che sono le difficoltà dei singoli componenti. La terapia si chiama di coppia perché è alla coppia che si rivolge e non alle singole  persone. Ma curando la coppia si curano automaticamente anche gli eventuali problemi dei singoli: in una coppia armoniosa i due partner stanno meglio, quindi il loro benessere è una conseguenza della terapia.

Ma quando rivolgersi alla psicologia, alla psicoterapia, alla terapia di coppia per risolvere le crisi tra due partner?

Ci sono dei precisi segni che indicano la disarmonia della coppia. La coppia disfunzionale la si riconosce per alcuni  sintomi caratteristici o, meglio, per quattro comportamenti  talmente distruttivi, che molto probabilmente condurranno  la coppia, un maggiore approfondimento puoi trovarlo su donnaweb.net

Le critiche

Quando le critiche tra  i partner superano gli  apprezzamenti la coppia è in crisi. Si tratta di critiche fini a sé stesse non di critiche costruttive, critiche atte ad evidenziare le differenze.
Quando i partner imparano ad accettare e  a valorizzare le differenze, allora la coppia sta funzionando bene.

Il disprezzo

In una relazione di coppia si sperimentano anche emozioni negative talvolta molto intense di paura, rabbia, e perfino di odio. Quando   i partner reagiscono alle emozioni negative con forti reazioni di disprezzo, insultando l’altro o umiliandolo significa  che la coppia è dirette verso la rottura.

La difensiva

Quando ci si sente criticati e disprezzati si sta sulla difensiva e si cercano giustificazioni per i gli errori che ci vengono contestati cercando di dimostrare l’ingiustizia del trattamento subito.

Mancanza di comunicazione

La mancanza di comunicazione è un chiaro segno di necessità di ricorrere alla terapia di coppia.  Chiudersi in sé e interrompere ogni comunicazione con l’altro indica la quasi fine del rapporto.

Talvolta si pensa erroneamente che  ignorare il proprio partner sia un modo per  ridurre il conflitto e ritrovare la pace. In realtà l’assenza di risposta, la mancanza di comunicazione equivale a togliere l’ossigeno al partner. L’assenza di dialogo stimola nell’altro un senso di pericolo maggiore e scatena il fenomeno della “punzecchiatura” al fine di trovare, anche se con uno scontro, uno scambio di parole.

Quando ci sono questi sintomi la coppia ha bisogno di entrare in terapia se si vuole “salvare” come coppia. Ovviamente è anche importante considerare la frequenza con la quale si manifestano questi campanelli di allarme.

I problemi di coppia, se cosi profondi e gravi, non possono risolversi da soli, non esiste la remissione spontanea, i partner devono  sollevare il problema ed affrontarlo cambiando in qualche misura loro stessi. La terapia di coppia è in grado di ricostruire la coppia sana e armoniosa che, sicuramente è stata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *