ARTICLE MARKETING ITALIANO

ARTICLE MARKETING ITALIA

Listino prezzi: come realizzarne uno ben fatto

Per vendere i propri prodotti o servizi, ogni azienda deve stilare periodicamente un elenco di ciò che offre con i relativi prezzi. Stiamo parlando del listino prezzi! Ma come deve essere redatto questo strumento di vendita? Vediamolo insieme in questo articolo, in cui affronteremo l’argomento sia a livello commerciale che a livello di presentazione, entrambi fondamentali per la tua strategia di vendita.

La definizione dei prezzi

All’origine della redazione di un listino sta, ovviamente, la definizione della strategia commerciale dell’azienda. Bisognerà definire i prezzi dei prodotti in base al proprio posizionamento nel mercato, configurarli in versioni base ed eventuali accessori e individuare le componenti che si aggiungono al prezzo ma che vanno indicate a parte, come i costi di trasporto.

Gli sconti dedicati alla rete di distribuzione e le provvigioni per la forza vendita sono altri due fattori fondamentali che bisogna indicare, per permettere ad agenti di vendita e rivenditori di definire le proprie strategie promozionali. Chiariti internamente a livello di marketing questi dati, bisogna riportarli sullo strumento del listino prezzi, che deve avere delle caratteristiche ben determinate.

Se sei alle prime armi e vuoi capire qual è il prezzo di mercato del prodotto o del servizio che vorresti vendere puoi consultare l’offerta online, facendo riferimento ad e-commerce (meglio se specializzati nella tipologia di prodotti per i quali devi compilare il listino prezzi), ma anche a portali e blog online, che in alcuni casi spiegano anche le variabili che fanno innalzare o diminuire il prezzo. Su aumuch.it, ad esempio, è possibile sapere quanto costa un determinato servizio o prodotto e capire anche quali sono gli aspetti che caratterizzano il prezzo di mercato.

I contenuti adatti ad un listino prezzi

Se per la tua azienda hai dato priorità agli strumenti di comunicazione diretti al cliente come brochure, cataloghi e depliant, forse potresti aver sottovalutato il valore del listino. In questo caso i testi contenuti, i dati e i dettagli tecnici che si sceglie di inserire sono rivolti a specialisti del settore, e vanno pensati di conseguenza. Anche i testi descrittivi dei prodotti vanno semplificati se messi su un listino prezzi. Meglio evitare formule troppo promozionali o di storytelling, adatte piuttosto a cataloghi e brochure che vanno in mano al cliente finale, ma che poco c’entrerebbero in un contesto di addetti ai lavori.

Il cliente business-to-business, invece, ha bisogno di informazioni chiare, essenziali e dettagliate, inserite in pochi paragrafi di testo. Le definizioni devono essere comprensibili e scongiurare qualsiasi fraintendimento, e devono utilizzare termini che siano in uso nel settore in cui opera la tua azienda. Un copywriter specializzato in testi tecnici di settore è quello che ci vuole in questo caso, per ottenere un risultato efficace e professionale.

Parola d’ordine: semplicità

Essendo utilizzati in ambito lavorativo per creare preventivi, i listini dei prezzi devono avere un’impostazione grafica chiara e comprensibile, con i dati facilmente consultabili. Le tabelle di dati e prezzi sono facili da leggere? E da trovare? Non bisogna sottovalutare l’impatto visivo e le scelte grafiche come dimensioni e colori di testi e tabelle, perché sono fondamentali per ottimizzare la leggibilità. Se vuoi delle idee o dei template già pronti puoi dare un’occhiata a questa pagina.

Meglio definire già dall’inizio se il tuo listino avrà bisogno di immagini, che siano fotografie o disegni, perché anche queste vanno realizzate da professionisti, elaborate e mantenute aggiornate nel corso degli anni. Lo stesso dicasi per eventuali disegni tecnici, quotati o meno. Per questo è meglio evitare il fai da te e rivolgersi a professionisti del settore, come le agenzie di comunicazione, che si occuperanno di questi aspetti sotto ogni punto di vista.

Una fase di test prima dell’uscita del listino prezzi

Prima di andare in stampa è buona norma che un responsabile del tuo ufficio tecnico legga il listino senza mai averlo visto prima. Questo per avere una prima impressione a caldo ed individuare eventuali errori che si possono ancora far correggere. Se il tuo listino verrà pubblicato in diverse lingue dovrai affidare la traduzione dei testi ad un traduttore certificato che si occuperà anche della revisione delle lingue prima della stampa. Si raccomanda una revisione completa del lavoro prima della stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *